Escursioni a Venezia e Isole

Piazza San Marco

Nel cuore della laguna di Venezia, Chioggia è al crocevia dei più interessanti centri del Veneto

VENEZIA  

Musa di poeti, registi e scrittori, Venezia conserva nei secoli il fascino immutato di una città sospesa nel tempo e nello spazio. Una parentesi incantata da assaporare a piccole dosi, con escursioni spontanee che tocchino i classici luoghi di attrazione turistica, la basilica e la piazza San Marco, il ponte di Rialto, palazzo Ducale e la Fenice, rinata dalle ceneri dopo l’incendio, ma anche gli scorci suggestivi che si aprono all’improvviso davanti agli occhi di chi si lascia guidare dalla città senza seguire un itinerario, in cerca di emozioni. I campielli in cui fermarsi per degustare “un’ombra o un cicheto” prima di cena, le cali strette in cui ci si scontra con gli antichi palazzi, dimore dei nobili, i ponti e le chiese. Quando le continue salite dei ponti fanno mancare il fiato è tempo di fermarsi e salire su una gondola per gustarsi la città dall’acqua. Guardarsi attorno cercando di ricordarsi in che epoca si sta vivendo, cullati dal movimento e dal suono dell’acqua. Le proposte per assaggiare i piatti tipici della cucina veneziana, a base di pesce, ma non solo, sono moltissime. Ogni calle e campiello offre ristoranti, trattorie e pasticcerie in cui abbandonarsi ai piaceri del palato.

LE TRE ISOLE, IL LIDO

Impossibile salutare Venezia senza visitare le tre isole di Murano, Burano e Torcello. Partendo da piazza San Marco è obbligatoria una sosta al Lido, scenario che ha ispirato il capolavoro di Thomas Mann, “Morte a Venezia”, e sede del Festival del Cinema. Proseguendo in barca si raggiunge Burano, famosa nel mondo per i merletti, gioielli dell’artigianato locale, e in pochi minuti Torcello, culla della civiltà lagunare. Sorta nel 638, prima di Venezia, l’isola ospita una delle più antiche cattedrali bizantine ancora esistenti: la chiesa di Santa Maria Assunta, decorata con mosaici meravigliosi. Ultima tappa l’isola di Murano, conosciuta e apprezzata per i capolavori in vetro. Per volontà del doge tutte le vetrerie di Venezia fin dal XIII secolo sono concentrate a Murano e si possono raggiungere dal Faro o dalla fondamenta Navagero. D’obbligo una visita al museo del vetro che raccoglie alcuni degli esemplari più belli mai realizzati.

Riproduzione in vetro di Murano dei Cavalli di Venezia Particolare Gondola Ponte di Rialto